In conclusione, mi sembra chiaro che, da solo, il codice validato non è in grado di garantire un bel niente!

D’altra parte non esiste un’unica regola d’oro, un’unica ricetta in grado di generare pagine accessibili, usabili, belle ed intriganti; e credo proprio che non esisterà mai.

Gli strumenti di authoring potranno rendere più semplici alcune procedure oggi complicate e ripetitive, ma difficilmente potranno sostituire la competenza acquisita in anni di lavoro e la magia che talvolta si genera nella mente umana, le quali – insieme – riescono a creare dei bei prodotti in grado di funzionare bene e di essere utilizzati da tutti.

In quest’ottica il rispetto delle specifiche si deve porre per ciascuno sviluppatore (ma anche per il formatore) come un punto di partenza e come una delle tante condizioni necessarie da rispettare affinché il risultato possa essere qualitativamente rimarchevole.

Scrivere codice valido, allora, non è tutto ma è certamente meglio!